Meteo e musica. Un binomio che, in epoca moderna e contemporanea, risulta quanto mai florido. Lo dimostra uno studio effettuato da Sally Brown, ricercatrice dell’Università di Southampton. La studiosa ha scoperto infatti che ben 750 canzoni di musica pop fanno riferimento al clima e agli eventi meteorologici. Tra tutti, il più ispirato sembra essere sicuramente Bob Dylan, seguito dai due ex Beatles, John Lennon e Paul McCartney. Molte tra le canzoni di questi autori risultano infatti basate su temi legati al sole, alla pioggia, al vento, ai temporali. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista “Weather”. Ad essere analizzati in modo dettagliato, sono stati tutti i testi delle canzoni più celebri. Protagonisti assoluti dei brani “più gettonati” sono sicuramente il sole e la pioggia. Non mancano però fenomeni diversi, come i temporali e le tempeste: basti pensare a Stormy di Buddy Buie & J. R. Cobb. Sono oltre 900, invece, i cantanti o i cantautori che si sono cimentati in esecuzioni di brani legati al tempo atmosferico. A ulteriore conferma di quanto popolari siano i temi legati al meteo nella musica moderna, arriva anche la classifica stilata nel 2011 dalla rivista “Rolling Stone”: il meteo, secondo questo studio, compare nel 7% di tutte le 500 canzoni più famose di tutti i tempi.

Tra i brani ispirati ai fenomeni atmosferici, ve ne sono alcuni poi che risultano legati direttamente a eventi specifici: un esempio è la celebre Here comes the Sun (1969, George Harrison), canzone che trae spunto da uno dei primi giorni di primavera, arrivato dopo un lungo e rigido inverno. Il meteo, inoltre, è l’argomento-cardine di altre canzoni, come Blowin’ in the wind di Bob Dylan, o Bus Stop degli Hollies. Altra curiosità: negli Stati Uniti, il maltempo risulta più diffuso nei brani degli anni Cinquanta e Sessanta, rispetto agli anni Settanta e Ottanta.

È molto interessante notare, poi, come siano oltre 30 gli artisti, i gruppi e i compositori il cui nome è legato al meteo: tra questi, i Wet Wet Wet, gruppo scozzese di musica pop rock e soul, con forti influenze blues e jazz. Ci sono poi The Weather Girls, duo statunitense composto da Martha Wash e Izora Rhodes Armstead (scomparsa il 16 settembre 2004): precedentemente conosciute come Two Tons O’ Fun, The Weather Girls sono state le autrici del famoso brano It’s raining men (in seguito riarrangiato da Geri Halliwell nel 2001). Da citare, infine, i KC and the Sunshine Band, gruppo musicale statunitense, tra i massimi esponenti del fenomeno della disco music (tra i loro brani più famosi si annoverano i pezzi disco That’s the Way (I Like It), I’m Your Boogie Man, (Shake, Shake, Shake) Shake Your Booty, Keep It Comin’ Love, Get Down Tonight e la famosissima ballata Please Don’t Go. Un mondo affascinante che non smette mai di stupire, dunque, quello del meteo nella musica. Un mondo che riserva sempre grandi sorprese.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci il commento