La plastica sta rovinando il Pianeta. Il nostro uso sconsiderato di prodotti imballati nella plastica e di sacchetti sta inquinando terre e oceani. Nell’oceano Pacifico hanno trovato un’isola grande 2 volte la Francia fatta al 99% di rifiuti di plastica. Incredibile! La produzione e quindi anche il consumo della plastica è diventato insostenibile per l’ambiente: secondo il programma delle Nazioni Unite per l’ambiente ogni minuto che passa nel Mondo usiamo 500 miliardi di sacchetti di plastica.

Allora ecco cosa possiamo fare, nel nostro piccolo, per ridurre il consumo di plastica.

1. Evitare di comprare sacchetti di plastica ogni volta che usciamo a fare la spesa.
Ormai lo sappiamo. Io, ad esempio, vado a fare la spesa usando i sacchettoni blu dell’Ikea. Sono super resistenti, non si bucano e li puoi utilizzare all’infinito. Pensate che io ci ho fatto persino il trasloco! Per fare le cose per bene, potremmo usare quelli fatti con materiali biodebradabili o fibre naturali.

2. Bere l’acqua del rubinetto
L’acqua in bottiglia è considerata più pura perché raccolta direttamente alla sorgente. In realtà è buona anche quella del rubinetto e, se è molto ricca di calcare potremmo usare i filtri e l’uso di caraffe per filtrarla e renderla più buona.

via GIPHY

3. Acquistare frutta e verdura non imballata
Insomma, sacchetto biodegradabile o no, conviene acquistare frutta e verdura dal bancone o, ancora meglio, dal fruttivendolo o al mercato.

4. Scegliere prodotti maxi-formato
Al supermercato ci propongono spesso delle monoporzioni che, saranno positivi contro gli sprechi alimentari, ma danneggiano l’ambiente perché per realizzarli bisogna utilizzare più plastica. Il top sarebbe acquistare prodotti sfusi e riempire i contenitori già usati, ma è difficile. La confezione conta. Magari, la prossima volta potremmo preferire al contenitore di plastica, contenitori in carta, cartone o tetrapack: possono essere riciclati e il loro impatto ambientale è molto più ridotto.

5. Stop all’usa & getta
Sacchetti ma anche rasoi, cannucce, bicchieri, posate. Evitiamo di acquistare prodotti usa e getta – a volte inutili – e preferiamo contenitori e bicchieri in vetro, posate inox e rasoi ricaricabili. Una bottiglia vetro a rendere viene sanificata e riutilizzata per almeno 50 volte prima di essere riciclata e produrre nuovo vetro. Poi, quel barattolo di marmellata ormai finito può essere usato per decorare casa secondo le mode del momento: al suo interno possiamo metterci lampadine led, organizzare la scrivania ma anche piccole piante succulenti.

 

Silvia Turci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci il commento