prova-costume

Lasciarsi andare ogni tanto e godersi anche da un punto di vista alimentare i giorni di festa non è sbagliato, anzi! A trarne vantaggio è soprattutto l’umore. L’importante è non disperarsi, poi, se la pancetta è aumentata: armati di pazienza e buona volontà per tornare il prima possibile a un’alimentazione equilibrata.
Durante le feste di Pasqua abbiamo gioito, abbiamo scherzato, abbiamo mangiato, abbiamo brindato tra amici e parenti. Adesso è il momento di rimettersi in forma. Rivolgiamo un ultimo sguardo al passato, all’uovo di cioccolato, alla colomba che abbiamo divorato, ai bicchieri di vino in più: bye bye!

 

Adesso focalizziamoci sul nostro obiettivo: guardarci allo specchio e sentirci bene.

Per rimettersi in forma è necessario abbinare corretta alimentazione e attività fisica. Per molti la parola dieta è ancora sinonimo di regime alimentare restrittivo, ipocalorico, un qualche cosa che implica necessariamente dei sacrifici; in realtà non è così, si tratta semplicemente di variare un po’ alla volta il proprio stile di vita e il più delle volte la cosa è più semplice del previsto.

Evitare grassi, dolci, sughi, ridurre l’apporto di carboidrati, preferire pane e pasta integrali sono i primi consigli che mi sento di dare e che seguo per prima. Saltare pasti è sbagliatissimo, come non fare colazione che è proprio il momento base che ci fornisce l’energia per affrontare la giornata. Evitare per un po’ il cappuccino e la brioche, a favore di fette biscottate integrali e marmellata.

Importante poi è cercare di liberarsi dalle tossine. Alcol, conservanti, coloranti alimentari, pesticidi nella frutta, nella verdura e composti artificiali vari, sono i principali responsabili dell’intossicazione generale del nostro corpo. Più tossine incameriamo e più il nostro corpo accumula grasso per difendersi da queste dannose sostanze. Sarebbe utile, un giorno alla settimana, consumare principalmente alimenti ricchi di antiossidanti come frutta e verdura (spinaci, mirtilli, succo di arancia, kiwy), limitando al massimo l’apporto di grassi saturi e riducendo l’apporto proteico. Inoltre in questo giorno è utile evitare l’attività fisica e concedersi al suo posto un rilassante bagno turco o una piacevole sauna.
Sauna e bagno turco, infatti, stimolano la sudorazione e favoriscono lo smaltimento delle tossine corporee. L’unico accorgimento da adottare è quello di reintegrare immediatamente i liquidi persi bevendo acqua in abbondanza.

 

Per quanto riguarda lo sport, sarebbe utile crearsi un programma settimanale da rispettare che preveda un’attività fisica moderata da svolgere almeno 3-4 volte la settimana e per almeno 40 minuti. Per individuare l’intensità ottimale occorre semplicemente provare a parlare durante l’esercizio. Se si fatica a parlare e compaiono sintomi di affanno significa che il ritmo è troppo sostenuto e occorre diminuirlo. Se si riesce a parlare tranquillamente e non avvertiamo il minimo segno di fatica, è opportuno aumentare leggermente l’intensità fino alla comparsa dei primi sintomi di fatica moderata. Discipline di tipo aerobico che possono darci grandi risultati sono la corsa lenta, il ciclismo, lo sci di fondo moderato, la marcia, il canottaggio e tutti gli sport che ci permettono di fare un esercizio di lunga durata. È utile associare a queste attività anche la tonificazione muscolare da iniziare al termine del riscaldamento, da fare a casa (ci sono molti tipi di esercizi efficaci che si possono eseguire a corpo libero) o in palestra. Ultimo dettaglio da non sottovalutare, è l’effetto positivo dello sport sull’umore: ci carica, ci fa sentire meglio e scarica lo stress. Una bella corsetta vale quasi quanto una seduta dallo psicologo! 😉

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci il commento