Per la maggior parte di noi le vacanze sono finite purtroppo e mantenere il più a lungo possibile l’abbronzatura conquistata con tanta fatica, trascorrendo ore sotto il sole, è un grande desiderio. Peccato però che nel giro di pochi giorni si rischia di tornare allo stesso colorito sbiadito che avevamo prima delle vacanze. La tintarella tende ad andarsene perché gli strati più superficiali dell’epidermide si rinnovano di continuo, eliminando le cellule morte. Il primo consiglio che vi do è quello di non strofinare la pelle dopo la doccia quando vi asciugate: meglio tamponare con un asciugamano per evitare la perdita del colorito.

Sotto la doccia bisogna cercare di usare una spugna morbida e scegliere detergenti delicati oppure oleosi che aiutano la pelle a mantenersi idratata. Idratare la pelle infatti è importantissimo e bisogna farlo più volte al giorno. Tra le sostanze più utili per mantenere una buona idratazione superficiale ci sono i fosfolipidi e la glucosamina, i primi sono utili per rinforzare le membrane delle cellule e la seconda è uno zucchero utilizzato dalla pelle per produrre acido ialuronico. Molto utili per idratare anche le più classiche creme alla vitamina C e vitamina E.

Attenzione a scrub e cerette: meglio aspettare prima di andare dall’estetista. Lo scrub è molto utile prima di esporsi al sole perché elimina le cellule morte e rende l’abbronzatura più omogenea ma dopo la tintarella è da evitare perché la porta via. Stessa cosa vale per la ceretta.

via GIPHY

L’aria condizionata è nemica dell’abbronzatura perché asciuga l’aria e toglie umidità all’ambiente, rendendo così la pelle secca e favorendo la desquamazione. In ufficio quando non la si può lasciare spenta è consigliabile tenere a portata di mano una crema idratante. Anche il vento tende a disidratare la nostra pelle, quindi chi va in motorino deve tenerlo presente. Fondamentale è anche bere tanta acqua per avere una pelle morbida e idratata. Una buona soluzione sta anche nel cogliere ogni occasione per esporsi ai raggi solari: una bella passeggiata o un’attività all’aperto rinvigoriranno il nostro colorito…. e il nostro triste spirito “da rientro”.

 

Stefania Andriola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci il commento