Neve. Coooosa? Nevica a marzo? E io cosa mi metto? Ho già portato in lavanderia il piumino col cappuccio, perché altrimenti lo ritrovo ancora appeso a Ferragosto, riesumo i cappelli di lana ma… ma le scarpe? Suvvia, non posso mica arrivare in ufficio coi doposcì.
Escludiamo a priori i tacchi, a meno di non fare un cambio tattico al coperto, perché anche se dotati di zeppa e carrarmato il marciapiede ghiacciato o coperto di poltiglia nevosa è sempre insidioso e le scivolate poco eleganti sono in agguato. Vogliamo davvero rischiare di fare una figuraccia e arrivare zuppe agli appuntamenti?

Indispensabile, in ogni caso, indossare uno stivaletto perché altrimenti la neve si infila nelle caviglie. Ci sono gli stivaletti tanto caldi imbottiti all’interno, i famosi “ugly” (che già il soprannome dovrebbe far intuire qualcosa): sono molto comodi – anche se, quando la suola è troppo sottile il freddo dal terreno si sente eccome – ma essendo solitamente bassi o hai le gambe come Gisele Bündchen oppure l’effetto salsiccia è assicurato.

Fortunatamente negli ultimi anni in alcuni modelli hanno alzato leggermente il tacco in modo da avere comunque una solida presa sul terreno ma slanciare maggiormente la figura, in modo da salvare la famosa capra e il suo cavolo.
Il problema è che li creano tutti di pelle scamosciata e lo scamosciato non è amico delle gocce d’acqua: decisamente fastidiose le macchiette tonde di varie sfumature che si formano sopra le scarpe. Pare però che ci siano dei rimedi efficaci: particolari gomme che cancellano i segni lasciati da pioggia o neve; io devo dire che funzionano, basta solo avere la pazienza di usarle e non far seccare troppo le macchie, come se fosse facile ricordarsene.

Poi, proprio a voler essere sicure e prudenti, con qualsiasi scarpa sceglierete di indossare in città con neve e ghiaccio a terra meglio provare a imitare la camminata del pinguino, i bellissimi animali in smoking sì che sanno scivolare solo quando vogliono divertirsi!

via GIPHY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci il commento